Archivio

Posts Tagged ‘Di Pietro’

IL PARADOSSO DI MOORE.. E SAVIANO

4 giugno 2010 1 commento

Quattro puntate. Fabio Fazio e Roberto Saviano avrebbero dovuto presentare “Vieni via con me” su Rai Tre: una puntata dedicata al caso Piergiorgio Welby, il malato che ottenne la sospensione dell’alimentazione forzata. Un’altra alla ‘ndrangheta. Una alla ricostruzione post- terremoto in Abruzzo. L’ ultima alla questione dei rifiuti in Campania.

Considerati i cospicui ascolti di “Che tempo che fa”, nessuna occasione più ghiotta per lo share firmato Rai. Eppure i vertici dell’azienda hanno messo in discussione l’ipotesi delle quattro puntate, considerando la possibilità di ridurle a due. Gli argomenti scottanti di cui si vorrebbe fare a meno sono quelli riguardanti la ricostruzione post-terremoto e i rifiuti in Campania. Il primo in particolare riporterebbe in auge la spinosa questione Bertolaso, appalti, Anemone & co.
Così martedì prossimo la questione sarà di puro dominio del consiglio di amministrazione Rai.

Intanto di certo c’è solo la reazione critica e determinata di Fabio Fazio: “Se ci tolgono due puntate non vanno in onda neanche le altre. Il programma non si fa.” Il Presidente Rai Paolo Garimberti ha già dichiarato la sua posizione in difesa della libertà di informazione e dell’intero corpo originario di quattro puntate,  ma non tutti sembrano pensarla così e soltanto il consiglio di martedì potrà spostare l’ago della bilancia da una o dall’altra parte.

Nel frattempo da “Generazione Italia” di Gianfranco Fini arrivano appelli a Silvio Berlusconi, perchè il Premier si schieri dalla parte di Saviano. Il responsabile della testata online del movimento di Gianfranco Fini afferma “Non lo diciamo per Saviano che ha la capacità e la forza di difendersi da solo. Lo diciamo per noi e per tutti quegli italiani che vorrebbero essere ancora orgogliosi del proprio paese, per tutti quegli italiani che ancora cercano le ragioni profonde di uno stare insieme, di un riconoscersi, di un apprezzarsi. Ecco, Roberto Saviano, quel che questo ragazzo rappresenta, è una delle ragioni: l’idea di un paese normale in cui legalità e giustizia abbiano di nuovo un senso concreto, al di là della retorica, al di là della propaganda”. Critiche più o meno decise arrivano anche dall’ Italia Dei Valori di Antonio Di Pietro e dal Pd.

La domanda è: la Rai tiene di più alla libertà di informazione o allo share? Sia nel primo che nel secondo caso Saviano dovrebbe comunque andare in onda. Sicuramente gli argomenti trattati dalle ultime due puntate sono uno scomodo intralcio per un certo potere politico, ma Saviano rimane un bene prezioso per gli ascolti, cioè per quello mediatico. Un personaggio trasversale agli orientamenti politici del Paese:  seguito, apprezzato e ascoltato da molti che ancora credono nella legalità.

Probabilmente la Rai del passato avrebbe potuto avere a cuore la libera e pubblica informazione diretta al cittadino. Non questa Rai. La logica dell’azienda ormai pervade e indirizza l’intera società italiana, ad ogni livello: dal Paese-azienda guidato dall’imprenditore Silvio Berlusconi che scendeva in campo coronato e impreziosito dai molti successi nel mondo del business, alla stessa mamma Rai, immersa nella logica della concorrenza, del profitto pubblicitario e dello share. Che non guarda ai contenuti offerti, ma alle risposte del pubblico. Paradossalmente perciò più democratica di quanto lo fosse in passato: sono gli spettatori che, armati di telecomando, decidono quali contenuti privilegiare. Non più la Rai che educava i numerosi analfabeti del dopoguerra, ma quella continuamente plasmata dagli sfuggevoli e discontinui orientamenti dei proprio clienti.

Oggi la questione di maggior importanza tra i vertici Rai non è tanto quella relativa alla libera informazione, quanto piuttosto quella legata allo share,  al potere mediatico;  tuttavia, con buona pace del potere politico, stavolta questi due interessi coincidono e  si muovono in una stessa direzione. Saviano fa libera informazione ma, al tempo stesso, Saviano fa ascolti.

Tutto questo riporta un po’ alla sottile ironia di Michael Moore, il giornalista indipendente americano famoso per le sue numerose e scomode inchieste: dall’11 settembre agli psicofarmaci, da Guantanamo ai fast food. Moore afferma che il suo più grande alleato è lo stesso capitalismo perverso, che combatte da sempre: le sue inchieste scorrono liberamente e prive di censure nelle sale cinematografiche, diffondendosi nel globo proprio grazie all’ideale freddo e amorale del business. Michael Moore ha raggiunto una tale popolarità sull’onda di un sistema volto al solo profitto. Moore “fa audience”, tutti puntano su Moore, nemici compresi. E il giornalista americano intanto continua a portare avanti la sua battaglia. Dall’interno.

Non sappiamo se Saviano potrebbe definirsi una sorta di Moore italiano, quello che è certo è che le dinamiche ora delineate sembrano riproporsi anche in Italia: Mondadori ed Einaudi -di proprietà di Silvio Berlusconi- continuano oggi a pubblicare per lo scrittore napoletano, nonostante le scintille e i continui attriti con lo stesso Premier.

Un paradosso che inietta un po’ di ottimismo nel panorama della libera informazione in Italia. O forse dovremmo chiamarla semplicemente “share“?


Luca Ciccarese

Share

REGIONALI 2010: PERDENTI E VINCITORI

1 aprile 2010 2 commenti

I risultati delle elezioni regionali 2010 fotografano una realtà sicuramente molto differente da quella delle precedenti, relative al 2005. In quest’ ultime infatti il centrosinistra si aggiudicava ben 11 regioni, il centrodestra solamente 2.

Oggi, di fronte ai risultati regionali 2010, è evidente l’ avanzata del centrodestra che 5 anni dopo conquista 4 regioni in più, a scapito dell’opposizione.

Molti notiziari televisivi hanno giustamente rilevato questo importante recupero del governo Berlusconi. L’analisi politologica dei risultati non è andata oltre, salvo osservare una crescita dell’astensionismo del 13% rispetto alle regionali 2005 e del 6% circa rispetto alle europee 2009.

E’ stato utile rilevare solo questo? Da cinque anni a questa parte molto è mutato nel panorama politico italiano, chiaro è che è legittimo e doveroso confrontare i risultati tra le regionali del 2010 e quelle del 2005, si tratta naturalmente di una necessaria valutazione sull’andamento dei singoli governi delle regioni.

Tuttavia prima di queste elezioni si è parlato molto di “referendum sul governo in carica”.

Ora, la coalizione Pdl-Lega guida il paese dal 2008, la valutazione sul “governo in carica” avrebbe perciò avuto un senso con un confronto a partire da tale data. Nel 2005 era invece ancora in carica il precedente governo Berlusconi, che avrebbe perso successivamente le elezioni del 2006, per poi tornare a conquistare un nuovo mandato nel 2008, dopo il crollo del governo Prodi.

Il panorama “regionali 2005” era perciò totalmente diverso: dal confronto 2010-2005 possiamo estrapolare solamente una valutazione -per quanto ponderata- sul governo regionale, ma si tratta di una forzatura cercarvi una effettiva valutazione sul governo in carica (anche considerando l’enorme astensionismo).

Il dato in realtà più impressionante e rilevante, confrontando i risultati elettorali di queste elezioni con le europee dello scorso anno, è: la perdita del 9% da parte del Pdl, la relativa stabilità di Pd e Idv, l’importante crescita della Lega Nord, infine la comparsa sulla scena politica del Movimento a 5 stelle di Beppe Grillo che, candidandosi in sole 5 regioni sulle 13 in questione, ha ottenuto ben l’1,77 % su base nazionale.

Guardando invece al confronto con le politiche del 2008, vediamo un Pd al 33% circa, che ci fa osservare una perdita di voti del 7% rispetto alle successive elezioni 2009 e 2010; vediamo una Lega più debole del 2%, una Idv con metà dei voti (“percentualmente” parlando) rispetto agli attuali; l’Udc ha invece, nel corso delle tre elezioni in questione, un andamento altalenante.

Bisogna comunque osservare che nelle politiche 2008 molto ha contato anche il così detto “voto utile” che probabilmente ha spostato parte dei voti dell’Udc verso il Pdl (che infatti ha poi recuperato un 2% nelle europee); per la stessa ragione è spiegabile anche il 7% in più del Pd derivante probabilmente da un voto utile dell’ elettorato di partiti più a sinistra.

Complessivamente il Pd è perciò rimasto in una posizione stabile, il Pdl ha in realtà perso molto dal 2009 al 2010, ed i reali beneficiari di queste elezioni sono state la Lega, il Movimento a 5 stelle e l’astensionismo.

Probabilmente il Pdl ha pagato il suo evidente allontanamento dalle problematiche economico-sociali del paese (a favore di altri temi in agenda, quali giustizia ecc..), in un momento davvero difficile a livello di economia reale. Il Pd è rimasto fondamentalmente stabile e ha mantenuto un suo elettorato senza ottenere niente in più: un risultato frutto di una radicata mancanza di personalità di partito, di carenza di proposte politiche realmente alternative, di una reiterata assenza dalla società civile vera e propria (salvo qualche incontro con operai poco prima delle elezioni).

Chi ha veramente vinto queste elezioni? Non certo il Pd, nè il Pdl: un fallimento evidente del bipolarismo.

La crescita della Lega Nord e del Movimento a 5 stelle testimonia invece una esigenza diversa respirabile nel Paese, un bisogno di politica che parli con le persone, che non si chiuda nei palazzi del potere, che cammini per strada radicandosi e crescendo nel cuore pulsante della società civile.

Questi due partiti -naturalmente- sono nettamente diversi in termini di idee ed ideali, ma entrambi sono riusciti ad intercettare nuove tendenze e nuove aspirazioni: la Lega sostiene il suo “popolo”, lo nutre con il buon governo a livello comunale, provinciale, locale, territoriale e convince anche nelle regioni tradizionalmente rosse intercettando il voto di molti operai (guardando anche alla progressiva perdita di voti dei partiti di estrema sinistra), optando da sempre per risposte semplici e fin troppo dirette -ma elettoralmente efficaci- a problematiche sociali di vario genere. Il Movimento a 5 stelle nasce invece dalla demonizzata “antipolitica” di Grillo, un’antipolitica che dall’inizio ha cominciato a parlare alle piazze e nei new media, ad urlare la sua rabbia e frustrazione, e che con l’ 1,77% in sole 5 regioni ha avuto un suo legittimo e inaspettato successo.

Successo che ha tolto probabilmente spazio e voti ad un partito altrettanto “arrabbiato” e “mordace” quale l’Idv di Di Pietro: ciò spiegherebbe la sua leggerissima flessione rispetto alle europee 2009 (dal 7,99 al 7,27).

Infine, chi è stato danneggiato dall’astensionismo? Probabilmente più il centrodestra (Lega esclusa): se guardiamo alle europee 2009 vediamo infatti che chi ha perso più voti sono Udc e Pdl, gli altri hanno tutti mantenuto una posizione stabile e un loro elettorato costante (alcuni accrescendolo). L’asse Udc-Pdl che perde voti di fronte ad uno sfrenato astensionismo testimonia una confusione sempre maggiore e una sfiducia di fondo da parte di un elettorato non ancora conquistato dal Pdl e che sta fondamentalmente tra centro e centrodestra. Non così convinto dal governo in carica per recarsi alle urne confermandogli la fiducia, nè dall’opposizione dell’Udc piuttosto assente e vacua nell’ultimo anno.

Ma allora, alla fine chi ha vinto? Non la politica tradizionale, nè gli “old” media broadcasting. Ha vinto la comunicazione a due, quella diretta, quella di strada, quella dei new media e dei blog. Piaccia o non piaccia, ha vinto la realtà.

REGIONALI

2010

EUROPEE 2009 POLITICHE 2008
Camera Senato
POPOLO DELLA LIBERTA’ 26,8 35,26 37,39 38,17
PARTITO DEMOCRATICO 26,1 26,13 33,17 33,7
LEGA NORD 12,28 10,2 8,3 8,06
ITALIA DEI VALORI 7,27 7,99 4,37 4,32
UDC 5,57 7,5 5,62 5,69
SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ 3,03 3,12
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA 2,74 3,38
MOVIMENTO A CINQUE STELLE 1,77
LA DESTRA 0,71
VERDI 0,67
ALLEANZA PER L’ITALIA 0,58
LISTA BONINO PANNELLA 0,56 2,42

Luca Ciccarese

Share