Archivio

Posts Tagged ‘Berlusconi’

BERLUSCONI-FINI, LO SCONTRO. IL RE E’ NUDO?

22 aprile 2010 Lascia un commento

Che Fini fosse in rotta di collisione col Presidente lo si sapeva già da tempo. Le sue parole d i critica al modus operandi di Berlusconi carpite pochi mesi fa casualmente dai microfoni dei giornalisti ne dettero la certezza. Ma oggi, alla direzione nazionale Pdl, c’è stato di più: Gianfranco Fini in aperto scontro con Berlusconi al punto di chiedersi  quale sia attualmente la vera anima del Pdl. Ma una risposta c’è ed è sempre la stessa.

Dopo le accese discussioni di oggi pomeriggio, il documento di lealtà alla linea politica del Premier e contrario alla possibilità di correnti interne ha ricevuto infatti  solamente 11 voti contrari ed 1 astenuto. Il Pdl è -oggi come ieri- Silvio Berlusconi, Fini e i suoi sono ospiti o espedienti strategici, ormai neanche tanto graditi. Gli 11 dissidenti sono: Italo Bocchino, Carmelo Briguglio, Adolfo Urso, Flavia Perina, Fabio Granata, Silvano Moffa, Andrea Augello, Donato Lamorte, Pasquale Viespoli, Salvatore Tatarella, Cesare Cursi. La soddisfazione e il senso di potere del Presidente del Consiglio dopo il voto sono chiari: “abbiamo lo strumento per sbattere fuori dal partito chi non si allinea alle decisioni”.

Fini sottolinea invece la profonda unidirezionalità e univocità di ogni decisione del partito, affermando tra le righe: “Ho detto chiaramente che la minoranza non ha diritto di sabotare, ma di discutere nelle sedi opportune, anche se non ho ancora capito quali siano, visto che quella fatta oggi è stata convocata dopo un anno”.

Infine “Il documento è un invito ad andarcene. Ma noi resisteremo” ha dichiarato dopo il voto il finiano Fabio Granata; è quasi una minaccia che sembra mettere in crisi ogni successiva possibile decisione politica posta dalla maggioranza berlusconista. Questa ipotesi è rafforzata dai propositi dei finiani di pochi giorni fa: Faremo impazzire il premier con una minoranza interna. Trattativa su tutto”. Possibile certo, ma grava su Fini e sui suoi ‘compagni’ una pesante spada di Damocle: l’espulsione del dissidente sancita dal documento approvato oggi a maggioranza.

Il Premier ha certo prevalso in carisma, e non è una novità, ma nel parlamentarismo il carisma non basta, pochi disobbedienti sono comunque pericolosi per ogni maggioranza e probabilmente contagiosi. Ogni successiva mossa del Premier adesso dovrà essere cauta e misurata, il rischio sarebbe spostare parte dei deputati verso l’altro polo magnetico del Pdl, formalmente inesistente certo, ma in realtà chiaro ed evidente a tutti dopo le tensioni degli ultimi tempi.

Il Pdl non è più il partito monolitico che era, c’è una crepa maturatasi nel tempo.  Fini può rappresentare certamente un alleato scomodo da un lato, ma dall’altro potrà essere una speranza per il deputato inascoltato che in futuro si ritrovi non allineato alla linea politica del Premier, ormai vero capo-azienda del Pdl.  Si rischia un logoramento dall’interno.

Sicuramente Fini e i suoi potranno essere espulsi e probabilmente la mossa più azzeccata al momento per la maggioranza berlusconista sarebbe quella di farlo subito, prima di una eventuale propagazione del ‘cancro’. Ma le scene viste oggi, lo scontro quasi fisico tra Fini e il Presidente, l’ alzarsi in piedi sostendo fermamente le posizioni davanti al direttore generale del Pdl e alla sua platea, sono scene forti simbolicamente, rappresentano la forza e il coraggio di un’idea che mette a nudo il Premier. Un precedente pericoloso in un partito che si regge sul carisma di un solo uomo.


Luca Ciccarese

Share

LETTERA A SILVIO BERLUSCONI: L’INDIGNAZIONE DI SAVIANO

18 aprile 2010 4 commenti

Roberto Saviano scrive a Silvio Berlusconi, parole determinate e ben misurate, limpide e taglienti come vetro. Possono infondere speranza o intimorire, dipende tutto dall’interlocutore. Sono parole che forse non siamo più abituati a sentire dal mondo della politica, perchè delineano posizioni ferme, irremovibili, decise. Non c’è compromesso con la criminalità organizzata. La mafia esiste e va estirpata. L’incipit della lettera di Saviano non ha fronzoli o formalità, sono parole spontanee, a testa alta:

Presidente Silvio Berlusconi, le scrivo dopo che in una conferenza stampa tenuta da lei a Palazzo Chigi sono stato accusato, anzi il mio libro è stato accusato di essere responsabile di “supporto promozionale alle cosche“. Non sono accuse nuove. Mi vengono rivolte da anni: si fermi un momento a pensare a cosa le sue parole significano. A quanti cronisti, operatori sociali, a quanti avvocati, giudici, magistrati, a quanti narratori, registi, ma anche a quanti cittadini che da anni, in certe parti d’Italia, trovano la forza di raccontare, di esporsi, di opporsi, pensi a quanti hanno rischiato e stanno tutt’ora rischiando, eppure vengono accusati di essere fiancheggiatori delle organizzazioni criminali per il solo volerne parlare. Perché per lei è meglio non dire.
E’ meglio la narrativa del silenzio. Del visto e taciuto. Del lasciar fare alle polizie, ai tribunali come se le mafie fossero cosa loro. Affari loro. E le mafie vogliono esattamente che i loro affari siano cosa loro, Cosa nostra appunto è un’espressione ancor prima di divenire il nome di un’organizzazione.
Io credo che solo e unicamente la verità serva a dare dignità a un Paese. Il potere mafioso è determinato da chi racconta il crimine o da chi commette il crimine?

Saviano ricorda alcuni dati al Presidente, dati che sottolineano la reale influenza e il potere della criminalità organizzata italiana. Berlusconi aveva infatti sminuito la questione denunciando l’enfasi data alla mafia italiana con queste parole: “la mafia italiana risulterebbe essere la sesta mafia al mondo, ma guarda caso è quella più conosciuta, perchè c’è stato un supporto promozionale a questa organizzazione criminale che l’ha portata ad essere un elemento molto negativo di giudizio per il nostro paese”. Lo scrittore napoletano dissente con fermezza e afferma:

Il ruolo della ‘ndrangheta, della camorra, di Cosa nostra è determinato dal suo volume d’affari – cento miliardi di euro all’anno di profitto – un volume d’affari che supera di gran lunga le più granitiche aziende italiane. Questo può non esser detto? Lei stesso ha presentato un dato che parla del sequestro alle mafie per un valore pari a dieci miliardi di euro. Questo significa che sono gli scrittori ad inventare? Ad esagerare? A commettere crimine con la loro parola? Perché?

Continua poi proponendo alcune sconfortanti analogie demagogiche tra le parole del Premier e quelle di pezzi grossi del panorama criminale italiano:

Michele Greco il boss di Cosa Nostra morto in carcere al processo contro di lui si difese dicendo che “era tutta colpa de Il Padrino” se in Sicilia venivano istruiti processi contro la mafia. Nicola Schiavone, il padre dei boss Francesco Schiavone e Walter Schiavone, dinanzi alle telecamere ha ribadito che la camorra era nella testa di chi scriveva di camorra, che il fenomeno era solo legato al crimine di strada e che io stesso ero il vero camorrista che scriveva di queste storie quando raccontava che la camorra era impresa, cemento, rifiuti, politica.

Per Saviano la parola è alla base della lotta alla mafia, la parola può sostenerne le fondamenta, la mafia si combatte con la cultura e lo scrittore trascrive al Presidente le parole di Borsellino:

Le ricordo le parole di Paolo Borsellino in ricordo di Giovanni Falcone, pronunciate poco prima che lui stesso fosse ammazzato. “La lotta alla mafia è il primo problema da risolvere … non deve essere soltanto una distaccata opera di repressione ma un movimento culturale e morale che coinvolga tutti e specialmente le giovani generazioni le spinga a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale della indifferenza della contiguità e quindi della complicità. Ricordo la felicità di Falcone quando in un breve periodo di entusiasmo mi disse: la gente fa il tifo per noi. E con ciò non intendeva riferirsi soltanto al conforto che l’appoggio morale dà al lavoro dei giudici, significava soprattutto che il nostro lavoro stava anche smuovendo le coscienze.

Saviano prosegue con la medesima lucidità, è lapidario e analiticamente impeccabile. Sa quel che dice. Anche noi sappiamo quel che dice: nel paese dell’omertà tutti noi sappiamo, ma solo pochi dicono.

Il silenzio è ciò che vogliono. Vogliono che tutto si riduca a un problema tra guardie e ladri. Ma non è così. E’ mostrando, facendo vedere, che si ha la possibilità di avere un contrasto. Lo stesso Piano Caserta che il suo governo ha attuato è partito perché è stata accesa la luce sull’organizzazione dei casalesi prima nota solo agli addetti ai lavori e a chi subiva i suoi ricatti.
Eppure la sua non è un’accusa nuova. Anche molte personalità del
centrosinistra campano, quando uscì il libro, dissero che avevo diffamato il rinascimento napoletano, che mi ero fatto pubblicità, che la mia era semplicemente un’insana voglia di apparire. Quando c’è un incendio si lascia fuggire chi ha appiccato le fiamme e si dà la colpa a chi ha dato l’allarme? Guardando a chi ha pagato con la vita la lotta per la verità, trovo assurdo e sconfortante pensare che il silenzio sia l’unica strada raccomandabile. Eppure, Presidente, avrebbe potuto dire molte cose per dimostrare l’impegno antimafia degli italiani. Avrebbe potuto raccontare che l’Italia è il paese con la migliore legislazione antimafia del mondo. […] E’ drammatico – e ne siamo consapevoli in molti – essere etichettati mafiosi ogni volta che un italiano supera i confini della sua terra. Certo che lo è. Ma non è con il silenzio che mostriamo di essere diversi e migliori. Diffondendo il valore della responsabilità, del coraggio del dire, del valore della denuncia, della forza dell’accusa, possiamo cambiare le cose.

Lo scrittore napoletano continua, le sue parole sono civili e rispettose, ma è celata tra le righe una profonda indignazione. Saviano chiede le scuse, non per sé, ma nei confronti di chi da sempre ha creduto nella lotta contro la mafia, di chi ha conosciuto l’odio cieco delle esecuzioni a sangue freddo di propri familiari e amici. Il dolore e lo strazio. La ‘minaccia’ velata di Saviano è quella di non pubblicare più per Mondadori ed Einaudi, case editrici di proprietà del Presidente.

Credo che nella battaglia antimafia non ci sia una destra o una sinistra con cui stare. Chiederei di porgere le sue scuse non a me – che ormai ci sono abituato – ma ai parenti delle vittime di tutti coloro che sono caduti raccontando. Io sono un autore che ha pubblicato i suoi libri per Mondadori e Einaudi, entrambe case editrici di proprietà della sua famiglia. Ho sempre pensato che la storia partita da molto lontano della Mondadori fosse pienamente in linea per accettare un tipo di narrazione come la mia, pensavo che avesse gli strumenti per convalidare anche posizioni forti, correnti di pensiero diverse. Dopo le sue parole non so se sarà più così. E non so se lo sarà per tutti gli autori che si sono occupati di mafie esponendo loro stessi e che Mondadori e Einaudi in questi anni hanno pubblicato. La cosa che farò sarà incontrare le persone nella casa editrice che in questi anni hanno lavorato con me, donne e uomini che hanno creduto nelle mie parole e sono riuscite a far arrivare le mie storie al grande pubblico. Persone che hanno spesso dovuto difendersi dall’accusa di essere editor, uffici stampa, dirigenti, “comprati”. E che invece fino ad ora hanno svolto un grande lavoro. E’ da loro che voglio risposte.

Roberto si appresta a concludere la lettera come solo ad un grande comunicatore è concesso. Poche frasi che trasudano speranza e voglia di combattere il vero cancro italiano, l’altro lasciamolo ai medici.

Una cosa è certa: io, come molti altri, continueremo a raccontare. Userò la parola come un modo per condividere, per aggiustare il mondo, per capire. Sono nato, caro Presidente, in una terra meravigliosa e purtroppo devastata, la cui bellezza però continua a darmi forza per sognare la possibilità di una Italia diversa. Una Italia che può cambiare solo se il sud può cambiare. Lo giuro Presidente, anche a nome degli italiani che considerano i propri morti tutti coloro che sono caduti combattendo le organizzazioni criminali, che non ci sarà giorno in cui taceremo. Questo lo prometto. A voce alta.

Parole che fanno tremare i palazzi del potere corrotto e le organizzazioni criminali, dai codardi assassini col passamontagna ai boss, dai complici omertosi ai politici con valigetta e tangente. La mafia esiste, ma esistiamo anche noi. A testa alta.


Luca Ciccarese

Share

REGIONALI 2010: PERDENTI E VINCITORI

1 aprile 2010 2 commenti

I risultati delle elezioni regionali 2010 fotografano una realtà sicuramente molto differente da quella delle precedenti, relative al 2005. In quest’ ultime infatti il centrosinistra si aggiudicava ben 11 regioni, il centrodestra solamente 2.

Oggi, di fronte ai risultati regionali 2010, è evidente l’ avanzata del centrodestra che 5 anni dopo conquista 4 regioni in più, a scapito dell’opposizione.

Molti notiziari televisivi hanno giustamente rilevato questo importante recupero del governo Berlusconi. L’analisi politologica dei risultati non è andata oltre, salvo osservare una crescita dell’astensionismo del 13% rispetto alle regionali 2005 e del 6% circa rispetto alle europee 2009.

E’ stato utile rilevare solo questo? Da cinque anni a questa parte molto è mutato nel panorama politico italiano, chiaro è che è legittimo e doveroso confrontare i risultati tra le regionali del 2010 e quelle del 2005, si tratta naturalmente di una necessaria valutazione sull’andamento dei singoli governi delle regioni.

Tuttavia prima di queste elezioni si è parlato molto di “referendum sul governo in carica”.

Ora, la coalizione Pdl-Lega guida il paese dal 2008, la valutazione sul “governo in carica” avrebbe perciò avuto un senso con un confronto a partire da tale data. Nel 2005 era invece ancora in carica il precedente governo Berlusconi, che avrebbe perso successivamente le elezioni del 2006, per poi tornare a conquistare un nuovo mandato nel 2008, dopo il crollo del governo Prodi.

Il panorama “regionali 2005” era perciò totalmente diverso: dal confronto 2010-2005 possiamo estrapolare solamente una valutazione -per quanto ponderata- sul governo regionale, ma si tratta di una forzatura cercarvi una effettiva valutazione sul governo in carica (anche considerando l’enorme astensionismo).

Il dato in realtà più impressionante e rilevante, confrontando i risultati elettorali di queste elezioni con le europee dello scorso anno, è: la perdita del 9% da parte del Pdl, la relativa stabilità di Pd e Idv, l’importante crescita della Lega Nord, infine la comparsa sulla scena politica del Movimento a 5 stelle di Beppe Grillo che, candidandosi in sole 5 regioni sulle 13 in questione, ha ottenuto ben l’1,77 % su base nazionale.

Guardando invece al confronto con le politiche del 2008, vediamo un Pd al 33% circa, che ci fa osservare una perdita di voti del 7% rispetto alle successive elezioni 2009 e 2010; vediamo una Lega più debole del 2%, una Idv con metà dei voti (“percentualmente” parlando) rispetto agli attuali; l’Udc ha invece, nel corso delle tre elezioni in questione, un andamento altalenante.

Bisogna comunque osservare che nelle politiche 2008 molto ha contato anche il così detto “voto utile” che probabilmente ha spostato parte dei voti dell’Udc verso il Pdl (che infatti ha poi recuperato un 2% nelle europee); per la stessa ragione è spiegabile anche il 7% in più del Pd derivante probabilmente da un voto utile dell’ elettorato di partiti più a sinistra.

Complessivamente il Pd è perciò rimasto in una posizione stabile, il Pdl ha in realtà perso molto dal 2009 al 2010, ed i reali beneficiari di queste elezioni sono state la Lega, il Movimento a 5 stelle e l’astensionismo.

Probabilmente il Pdl ha pagato il suo evidente allontanamento dalle problematiche economico-sociali del paese (a favore di altri temi in agenda, quali giustizia ecc..), in un momento davvero difficile a livello di economia reale. Il Pd è rimasto fondamentalmente stabile e ha mantenuto un suo elettorato senza ottenere niente in più: un risultato frutto di una radicata mancanza di personalità di partito, di carenza di proposte politiche realmente alternative, di una reiterata assenza dalla società civile vera e propria (salvo qualche incontro con operai poco prima delle elezioni).

Chi ha veramente vinto queste elezioni? Non certo il Pd, nè il Pdl: un fallimento evidente del bipolarismo.

La crescita della Lega Nord e del Movimento a 5 stelle testimonia invece una esigenza diversa respirabile nel Paese, un bisogno di politica che parli con le persone, che non si chiuda nei palazzi del potere, che cammini per strada radicandosi e crescendo nel cuore pulsante della società civile.

Questi due partiti -naturalmente- sono nettamente diversi in termini di idee ed ideali, ma entrambi sono riusciti ad intercettare nuove tendenze e nuove aspirazioni: la Lega sostiene il suo “popolo”, lo nutre con il buon governo a livello comunale, provinciale, locale, territoriale e convince anche nelle regioni tradizionalmente rosse intercettando il voto di molti operai (guardando anche alla progressiva perdita di voti dei partiti di estrema sinistra), optando da sempre per risposte semplici e fin troppo dirette -ma elettoralmente efficaci- a problematiche sociali di vario genere. Il Movimento a 5 stelle nasce invece dalla demonizzata “antipolitica” di Grillo, un’antipolitica che dall’inizio ha cominciato a parlare alle piazze e nei new media, ad urlare la sua rabbia e frustrazione, e che con l’ 1,77% in sole 5 regioni ha avuto un suo legittimo e inaspettato successo.

Successo che ha tolto probabilmente spazio e voti ad un partito altrettanto “arrabbiato” e “mordace” quale l’Idv di Di Pietro: ciò spiegherebbe la sua leggerissima flessione rispetto alle europee 2009 (dal 7,99 al 7,27).

Infine, chi è stato danneggiato dall’astensionismo? Probabilmente più il centrodestra (Lega esclusa): se guardiamo alle europee 2009 vediamo infatti che chi ha perso più voti sono Udc e Pdl, gli altri hanno tutti mantenuto una posizione stabile e un loro elettorato costante (alcuni accrescendolo). L’asse Udc-Pdl che perde voti di fronte ad uno sfrenato astensionismo testimonia una confusione sempre maggiore e una sfiducia di fondo da parte di un elettorato non ancora conquistato dal Pdl e che sta fondamentalmente tra centro e centrodestra. Non così convinto dal governo in carica per recarsi alle urne confermandogli la fiducia, nè dall’opposizione dell’Udc piuttosto assente e vacua nell’ultimo anno.

Ma allora, alla fine chi ha vinto? Non la politica tradizionale, nè gli “old” media broadcasting. Ha vinto la comunicazione a due, quella diretta, quella di strada, quella dei new media e dei blog. Piaccia o non piaccia, ha vinto la realtà.

REGIONALI

2010

EUROPEE 2009 POLITICHE 2008
Camera Senato
POPOLO DELLA LIBERTA’ 26,8 35,26 37,39 38,17
PARTITO DEMOCRATICO 26,1 26,13 33,17 33,7
LEGA NORD 12,28 10,2 8,3 8,06
ITALIA DEI VALORI 7,27 7,99 4,37 4,32
UDC 5,57 7,5 5,62 5,69
SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ 3,03 3,12
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA 2,74 3,38
MOVIMENTO A CINQUE STELLE 1,77
LA DESTRA 0,71
VERDI 0,67
ALLEANZA PER L’ITALIA 0,58
LISTA BONINO PANNELLA 0,56 2,42

Luca Ciccarese

Share

COME DEDICARE UNA NOTTE ALLA RAI, BOICOTTANDOLA

E’ successo, ce l’hanno fatta. Michele Santoro, insieme al resto del team di Annozero è riuscito ad aggirare la “censura” della RAI spostandosi su altri canali mediatici e di fatto rubandogli più share che mai (si parla del 13%). Insieme a Marco Travaglio, Sandro Ruotolo, Giovanni Floris e un altro lungo elenco di personaggi del mondo del giornalismo e dello spettacolo in generale, ha trasmesso in diretta da un “semplice” palazzetto dello sport, travestito da studio televisivo alle 21 di giovedì 25 marzo la trasmissione RAIPERUNANOTTE.

Non un semplice programma ma una vera e propria manifestazione di massa. Un meeting dell’informazione libera. Una protesta verso chi vuol mettere il bavaglio al giornalismo vero. Una manifestazione di dissenso verso i tentativi del Governo di mettere a tacere i dissidenti. Ma non solo. Raiperunanotte è anche un chiaro esempio della potenza dei media televisivi liberi come come Current TV e della capillarità delle tecnologie in Streaming su Internet, nonché della capacità ormai assodata del “popolo della rete” di organizzare ritrovi in piazza in un battibaleno, raggiungendo numeri importanti anche per semplici proiezioni video.

La trasmissione si è aperta con una sovrapposizione Mussolini-Berlusconi che già faceva intendere dove si volesse andare a parare. Una folla da stadio accoglie i giornalisti, ormai idoli, punti di riferimento per un paese che non ha più un’identità civile. Grande ovazione per i vari Travaglio, Floris, il grande ritorno di Daniele Luttazzi (più esplicito che mai!), l’intervento di Roberto Benigni (roba rara di questi tempi). Peccato per alcune cadute di stile durante la trasmissione (Morgan, assolutamente inutile), ma il punto fondamentale non è questo. L’obiettivo è stato raggiunto.

Ora poniamoci però una domanda. Possibile che in un paese occidentale si debba arrivare a questo? Meravigliarsi di fronte a un programma che dice la verità e, aldilà del gusto personale del pubblico, difende il proprio diritto di comunicare la propria opinione sui temi caldi. Possibile che la gente abbia accolto Michele Santoro come un messia? Non sono i giornalisti a dover fare politica, ma purtroppo è quel che succede. In una società ormai priva di senso critico e civico non sappiamo più da chi farci rappresentare e cerchiamo la salvezza in personaggi dello spettacolo. Questi ultimi sono caricati di una responsabilità che in un paese “normale” non dovrebbero avere.

Eppure le persone giovedì sera ci credevano. Tanto ridevano alle battute dei vari comici, quanto osservavano lo spettacolo con occhi di speranza. Sembravano chiedere:”aiutateci”. E’ un popolo senza guida, abbandonato dalla sinistra ormai immobile di fronte alla prepotenza di un governo che non ha interesse nel benessere della popolazione. I cittadini cercano un appiglio. Non ci sono partiti, non c’è faziosità. Questa gente non è di sinistra e non è di destra. E’ solo stufa e vuole trovare una nuova strada per ricominciare a vivere in una società moderna, libera e senza censura.

E’ stato quel che aspettava la gente. Una specie di riunione per fare il punto della situazione di quali siano i ranghi. Si sono evidenziati i ruoli, le idee, gli scopi, i problemi. La gente non aspettava altro che una grande riunione per domandarsi:”ma quanti siamo?!

La risposta è semplice come la domanda: tanti.


Daniele Faugiana

Share